venerdì 14 ottobre 2011

Cereali per la Colazione Ep. 10 | Recensione CRUNCH CEREALI (NESTLE')



Il decimo prodotto che recensiamo durante il nostro cammino alla ricerca del miglior cereale per la prima colazione è prodotto da General Mills per conto di Nestlè, e risponde all'onomatopeico nome di Crunch. Sotto questo storico marchio, nato nel lontano 1938 ed al quale la casa svizzera dedica uno specifico sito in lingua inglese, vengono prodotte merendine, snack dolci, gelati, yogurt e barrette al cioccolato che, nella maggioranza dei casi, contemplano tra gli ingredienti una combinazione di cioccolato al latte e riso soffiato. 

I cereali della linea si presentano dunque con un'immagine energica e colorata, a sottolineare l'esplosiva croccantezza del prodotto, capace di spezzare idealmente la tazza di latte nella quale vengono consumati: questa è infatti l'immagine principale che troviamo sulla facciata principale della scatola, accompagnata in alto a sinistra dalla consueta tabella delle Quantità Giornaliere Indicative e dalla fascia verde con la quale Nestlè contraddistingue tutta la propria linea di prodotti contenenti cereali integrali. Nella fascetta superiore troviamo data di scadenza, in caratteri non grandi ma ugualmente ben leggibile, ed il trafiletto - al quale siamo ormai abituati - che invita tutta la famiglia a consumare cereali non raffinati. Il lato opposto della confezione presenta quattro simpatici giochi, tutti studiati per veicolare il messaggio che questi Crunch, appartenenti alla neonata "gang dei cereali integrali" sono nutrizionalmente più nobili dei concorrenti: prove di attenzione, illusioni ottiche e labirinti sono un modo vario e curioso per accompagnare il momento della colazione, focalizzandosi sulle caratteristiche di ciò che si sta mangiando. Le fascette laterali offrono come sempre informazioni più dettagliate. Su un lato troviamo una sintetica spiegazione circa la natura del cereale integrale, che a differenza di quello raffinato contiene anche crusca e germe, ed una presentazione di altri prodotti Nestlè per la colazione dei bambini, tra i quali Nesquik e Nesquik Duo (che abbiamo già recensito) e Chocapic (dei quali vi diremo a breve). Sul lato opposto troviamo finalmente le informazioni nutrizionali, che Nestlè continua a riportare in caratteri microscopici, ad eccezione del box chiamato "La buona informazione" nel quale si promette alle mamme che, grazie alla bontà di questi Crunch, i loro bambini non andranno più a scuola senza aver fatto colazione. Scendendo nel dettaglio, rileviamo che la lista degli ingredienti comprende farina di frumento integrale, farina di riso, farina di mais, zucchero, cioccolato, destrosio, olio vegetale, sciroppo di zucchero di canna parzialmente invertito, lecitina di soia, carbonato di calcio, aromi, vitamine e ferro. In virtù di questa combinazione 100 grammi di cereali apportano 407 kilocalorie, valore che li rende più calorici di Fitness Chocolate, Pan Di Stelle Mulino Bianco e Petali al Cioccolato di IN's Mercato. 6,6 grammi è il discreto contenuto di proteine vegetali, 4,5 il modesto contributo di fibre alimentari (leggermente superiore a quanto offerto dai Pan Di Stelle), 7,8 grammi il contenuto di grassi e ben 36,2 grammi l'apporto di zuccheri, sugli stessi livelli del prodotto Barilla e superiore ai Muesli Double Chocolate di Cameo, che recensiremo prossimamente. A valori nutrizionali non esaltanti, che in qualche modo stridono con l'indottrinamento salutistico che Nestlè opera attraverso bande verdi, immagini di spighe di grano e giochi dall'intento educativo, segue una prova del gusto soddisfacente, ma non del tutto esaltante. 

Aprendo il sacchetto da 375 grammi, i cereali si presentano in una forma che la Casa non definisce, ma che potremmo descrivere come "cellette aggregate", procedimento produttivo che probabilmente ne previene l'infiltrazione del latte, mantenendone quasi inalterata la consistenza. Le dimensioni, come documentano le immagini, sono molto variabili: ad alcuni "mattoncini" più grandi composti da 16 palline (si tratta di tre file verticali da 5,6 e 5, rispettivamente) se ne contrappongono altri decisamente più piccoli e frammentati, non raffigurati nell'immagine principale della scatola. Il sapore dei cereali dipende in gran parte dal modo in cui vengono consumati: da soli, infatti, i Crunch uniscono ad una consistenza piacevolmente croccante un sapore di cacao avvertibile ma non particolarmente intenso, dovuto al 12,5% di cioccolato in essi contenuto. Consumati nel latte questo sapore si perde quasi del tutto, come tristemente succedeva con i Pan di Stelle di Barilla, per cui il gusto che si ottiene è quello di latte e cereali integrali miscelati, non direttamente riconducibile all'aroma di  cioccolato come avviene, ad esempio, con i Risociok di Kellogg's o i Petali al Cioccolato di In's Mercato. 

Il giudizio finale sui Crunch di Nestlè non è quindi completamente positivo: da un lato i cereali sono piacevoli se consumati da soli, come snack. Dall'altro, provati nel latte mantengono un'ottima croccantezza ma perdono di gusto e personalità, apportando un eccessivo contenuto di zuccheri ed assicurando una presenza di fibre più bassa di quanto ci saremmo aspettati leggendo i proclami stampati sulla confezione.

Voto: 68/100

La classifica ad oggi

FITNESS MIELE E MANDORLE (Nestlè) - 85/100
EXTRA AL CAFFE' E CHICCHI DI CIOCCOLATO (Kellogg's) - 82/100
PETALI AL CIOCCOLATO (In's Mercato) - 82/100
NOUGAT PILLOWS (Lidl) - 78/100
PAN DI STELLE (Barilla) - 75/100
MULTIGRAIN AL CIOCCOLATO FONDENTE (Eurospin) - 72/100
CRUNCH CEREALI (Nestlè) - 68/100
NESQUIK DUO (Nestlè) - 65/100
NESQUIK CEREALI (Nestlè) - 60/100
CHOCO BALLS (Eurospin) - 50/100

1 commento :

  1. Salve! Complimenti per il blog, davvero ben fatto! Ho appena creato un blog sul calcio, il cui indirizzo è http://flaviomorrone.blogspot.com/. Mi farebbe piacere se mi passassi a trovare!

    RispondiElimina